Seleziona una pagina
A Forbes Mobility Fusco (CAV) e Muraro (Roadlink) raccontano la rivoluzionaria soluzione

Clicca qui per guardare la puntata integrale

 

Le infrastrutture del presente e del futuro protagoniste della seconda puntata di Forbes Mobility, il programma a cura di Blue Financial Communication in onda venerdì 9 aprile sui canali 260 del digitale terrestre e 511 di Sky. La trasmissione, condotta da Serena Cappelletti e Alfonso Rizzo, ha avuto come ospiti d’eccezione Sabatino Fusco, direttore tecnico di CAV Concessioni Autostradali Venete e Marco Muraro, direttore commerciale del main partner astepON Roadlink/Vita International.

I due specialisti del settore da un lato hanno fatto il punto quelle che sono, oggi, le principali esigenze della mobilità per quanto riguarda la sicurezza stradale, mentre dall’altro si sono concentrati sulle soluzioni tecniche che l’innovazione tecnologica può offrire per migliorare sensibilmente gli standard di comfort e, per l’appunto, sicurezza sulle nostre reti. Tra queste, rientra pienamente GuardLED, il rivestimento in poliuretano alloggiante stripLED che sta rivoluzionando l’approccio all’illuminazione su molte delle nostre reti autostradali e che CAV per prima ha installato in prossimità dell’uscita di Spinea, sul Passante di Mestre, lo scorso anno.

Fusco, in particolare, ha ricordato i benefici di una soluzione di illuminazione “dal basso” come GuardLED per aumentare la visibilità in caso di nebbia. Quindi, ha toccato il tema centrale della ricerca, con ogni sforzo, della massima sicurezza non solo per gli utenti, ma anche per le maestranze al lavoro nei cantieri autostradali: “Bisogna eliminare dal nostro vocabolario – ha detto – la parola ‘inevitabile’”.

Marco Muraro, da parte sua, ha approfondito ulteriormente quella che è la “rivoluzione copernicana” introdotta da GuardLED: illuminare la strada non più dall’alto, ma dal basso. “Con quest’idea, in fondo molto semplice, ma a cui nessuno aveva pensato prima, la barriere da passiva può diventare anche attiva”. “Un altro punto fermo del nostro progetto – ha aggiunto Muraro – è che GuardLED è una tecnologia in continuo movimento, che recepisce in pieno le indicazioni e i suggerimenti degli enti gestori. In GuardLED, per esempio, possono confluire ulteriori sistemi e servizi, che utilizzano la dinamicità dell’illuminazione per inviare segnali, per esempio in caso di emergenza. Un progetto specifico di questo genere lo stiamo sviluppando con Autostrada del Brennero, e riguarda la segnalazione degli utenti che si immettono contromano”.

Inarrestabile GuardLED, dunque. Una tecnologia che si basa sulla durabilità ed efficienza del poliuretano, per evolversi costantemente grazie alle possibilità dell’illuminazione “da basso”, che sa portare sempre più in alto i livelli di sicurezza sulle nostre strade.

[Vai alla pagina Main Partner di Vita International/Roadlink]

[Vai alla scheda Tender Marketing di GuardLED]

 

error: Content is protected !!