Seleziona una pagina
G-Light su barriere in legno-acciaio: novità assoluta (e green) per un ponte cittadino

 

Per ragioni di sicurezza era chiuso dal settembre 2018. Oggi, inizio 2021, finalmente non solo è tornato a svolgere la sua funzione di collegamento tra due aree del centro cittadino, ma si presenta come un nuovo landmark urbano, come un rinnovato punto di riferimento e modello, di riqualificazione profonda ma anche e soprattutto di sicurezza visiva, estetica e design.

Stiamo parlando del ponte di via Colombo di Monza, manufatto sul fiume Lambro non lontano dal celebre Duomo cittadino la cui costruzione risaliva agli anni Cinquanta e che è stato oggetto di un intervento completo di demolizione e ricostruzione.

L’attività, per conto del Comune di Monza, è stata svolta dall’impresa Edilmecos di Vinovo (Torino) ed è consistita nel rifacimento completo del manufatto, previa demolizione della struttura antecedente, costituito da travi in acciaio. La nuova opera consta di due corsie laterali ciclopedonali e di una corsia centrale carrabile, il cui accesso è riservato ai residenti e ai mezzi di soccorso con traffico regolato a senso unico alternato.

Il segno distintivo del nuovo Ponte Colombo, un unicum assoluto, sono però le barriere di sicurezza che separano i flussi veicolari da quelli ciclopedonali, la cui unicità, per l’appunto, è determinata dalla combinazione – su misura, possiamo dire – di due soluzioni tecniche altamente innovative ed ecologiche: le barriere in legno e acciaio di Vita International e il sistema di illuminazione G-Light di Roadlink, entrambi Main Partner di astepON.

Il risultato finale: armonia, bellezza, sicurezza, durabilità e tutela ambientale. Tutto questo grazie alla progettualità e all’uso intelligente dei materiali. G-Light, ricordiamolo, è una soluzione composta da una guaina estrusa in PVC che funge da sostegno di strip LED e lenti. Il dispositivo è generalmente integrato in un corpo in poliuretano, che nel caso di Monza diventa il legno. G-Light consente una visibilità migliorata (e senza abbagliamenti) lato traffico, risparmio energetico e significativa riduzione dell’inquinamento luminoso.